Francesco Perticone Nessun commento

IL FUTURO DEI DRONI DELIVERY

IL FUTURO E’ TENCNOLOGICO CON IL NUOVO SERVIZIO DI DRONI DELIVERY.

La pandemia si sa ci ha molto cambiati, stravolto le nostre abitudini e accelerato la digitalizzazione.
Una delle new entry è stata l’introduzione dei droni da parte delle aziende per vigilare e consegnare. 
 
I droni si, avete letto bene, in un presente sempre più hi-tech alcuni settori aziendali ne hanno già fatto uso.
Nell’ultimo anno, complice il lookdown nella pubblica amministrazione si è ricorso all’utilizzo professionale di droni soprattutto per il monitoraggio della popolazione e la consegna di materiali medici. 
 
Per le aziende l’utilizzo dei droni è una grande opportunità che in pochi sfruttano, sebbene di contano più di 300 startup nate negli ultimi 5 anni. 
 
Ad anticipare l’attuale tendenza è stato il colosso dell’e-commerce Amazon con il suo servizio Prime Air, per consegnare i propri pacchi attraverso i droni. A dare il via al servizio dei postini volanti, lo scorso anno, è stata l’approvazione ufficiale della Faa – L’Amministrazione Federale di aviazione americana. 
 
Il mercato dei droni delivery è in costante crescita, si stima che entro il 2035 voleranno centinaia di migliaia di droni e che il giro d’affari per i prossimi cinque anni arriverà a toccare circa 6 miliardi di dollari.
 
In Italia la prima azienda ad occuparsi di delivery mediante droni è DroneBase che con il suo TransporterX1000 realizza trasporti rapidi in zone poco raggiungibili con i mezzi tradizionali. Il drone viene controllato da remoto e può consegnare un pacco di circa 6 kg, in trenta minuti fino a 15 km.

REGOLAMENTAZIONI DRONI:

Fino ad ora abbiamo parlato delle ampie possibilità di utilizzo dei droni ma è giusto affrontare uno degli argomenti più caldi, cosa prevede la legge?
 
Ufficialmente dal 2021 tutti i droni sia per l’utilizzo amatoriale che professionali sono disciplinati dal nuovo regolamento dall’Easa (European Union Safety Agency) che di fatto abolisce la distinzione tra utilizzo ricreativo e professionale.
 
Per legge i droni devono essere dotati:
  • Dispositivo di identificazione remota;
  • Qr-Code;
  • attestato di competenza per tutti i droni con un peso maggiore di 250 grammi 
  • assicurazione.

ASSICURAZIONI DRONI:

Abbiamo già avuto modo di affrontare il discorso polizza assicurativa sulle nostre insurance tips, pubblicate ogni venerdì sulle nostre pagine social ufficiali.
La polizza per i droni è stata resa obbligatoria anche in Italia, dal 2019. Sono diverse le compagnie che offrono adeguate coperture per i droni e comprendono sia i danni e copre sia i danni all’oggetto che eventuali danni a terzi.
L’utilizzo del drone potrebbe causare danni a terze persone o cose oppure il drone potrebbe subire danni a causa di urto, caduta, incendio o eventi atmosferici, proteggerlo è la migliore soluzione!
Scopri di più su Assicura Point  e contattaci per un preventivo sul tuo drone!