admin Nessun commento

Facciamo chiarezza su assicurazione scaduta, retrodatata e incidenti stradali. Tra le frodi assicurative che capita ogni giorno di incontrare c’è la possibilità che una polizza venga illegalmente retrodatata, per coprire un sinistro avvenuto in un periodo nel quale il veicolo non era assicurato. L’assicurazione dovrà comunque pagare l’incidente.

 Il problema di gironzolare con assicurazione scaduta o addirittura inesistente crea il più grosso problema non tanto in sede di controllo da parte delle Forze dell’Ordine, che in quel caso provvedono ad elevare la sanzione pecuniaria e le sanzioni accessorie, quanto in caso di incidente: soprattutto se il danno creato porterebbe all’esborso di un ingente quantitativo di denaro, il truffatore potrebbe non riuscire a pagare la quota al povero malcapitato, così ecco che scatta l’idea di stipulare un’assicurazione e retrodatarla in modo fraudolento. Cosa fare in questi casi, allora?

Nella sentenza 6974/2016 della Corte di Cassazione è esplicitamente dichiarato che l’assicurazione è tenuta a pagare un incidente anche qualora la copertura assicurativa sia stata retrodatata per coprire proprio il detto sinistro. Ovviamente questo è un comportamento illegale, ma la compagnia è tenuta a risarcire il terzo in causa fino all’ultimo centesimo, per poi rivalersi sul proprio cliente e sull’intermediario che ha stipulato la polizza.

 Questo perchè il diritto del danneggiato non segue le sorti del contratto assicurativo.

(tutti i diritti riservati a Claudio Anniciello, autore dell’articolo, originariamente pubblicato a questo indirizzo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.