admin Nessun commento

Le nozze tra le Generali e la rivale Axa, una prospettiva da 170 miliardi

La partita che più sembra alla portata di mano, nonostante le ultime (ma sanabili frizioni) con la famiglia Berlusconi, è senz’altro l’alleanza tra Vivendi e Mediaset, dove l’obiettivo è lanciare un’alternativa europea a Netflix degli americani. Ma il vero sogno di Vincent Bolloré, che lo proietterebbe nell’olimpo della finanza europea, è un altro: creare un colosso mondiale delle assicurazioni, facendo convolare a nozze la francese Axa con Generali, l’eterno rivale. Un’operazione tanto ardita e complessa che non riuscì neppure a un banchiere di lungo corso, come Antoine Bernheim, per anni socio di Lazard e storico presidente di Generali fino al 2010. Quel Bernheim, da molti definito il Cuccia francese, che introdusse Bolloré nei salotti buoni di Mediobanca e del Leone.

Mettere assieme Axa, seconda assicurazione al mondo, e Generali, prima in Italia e tra i leader a livello europeo, significherebbe creare un gruppo capace di macinare oltre 170 miliardi l’anno di ricavi e più di 10 miliardi di utile operativo. Un colosso, con oltre 230 mila dipendenti, che potrebbe contare su quasi 160 milioni di clienti.

E a guardare le quotazioni di Borsa per Axa, che vale circa 42,7 miliardi, Generali, con una capitalizzazione decisamente più bassa (18,2 miliardi), appare un boccone più che appetibile. Ma resterà un sogno di mezza estate? In realtà, sebbene niente ci sia mai stato di ufficiale, a Parigi da tempo circolano voci sulla possibilità di questo matrimonio. Non solo per l’attivismo degli ultimi tempi di Bolloré su Mediobanca, dove ha una quota ormai vicina all’8%. Ma anche per le possibili alleanze e amicizie che il finanziere bretone sta tessendo e coltivando. A partire da Philippe Donnet che dal marzo scorso è alla guida di Generali. Un altro francese, e non a caso. È balzato lì grazie alla spinta di Bolloré. E Donnet proviene alla scuderia di Axa, dove è stato manager dal 1985 al 2007.

Dal gruppo sarebbe uscito per dissidi con l’ad Henri de Castries, mentre è rimasto molto vicino a Claude Bébéar, un personaggio chiave nella vicenda. Classe 1935, di Limoges, figlio di un preside di scuola media e di una maestra elementare, poi laureato in una delle solite grandes écoles dell’elite (il Polytechnique), partendo dagli Anni Settanta Bébéar fece di un piccolo gruppo mutualistico di provincia il colosso Axa, da lui fondato nel 1985. Nel 2000 lasciò le redini del secondo colosso assicurativo al mondo a de Castries, ma in realtà ha mantenuto una grossa influenza su Axa ed è uno dei deus ex machina del capitalismo francese. Da sempre è vicino a Bolloré, che ha aiutato in più occasioni a trovare finanziamenti per le sue scalate. Determinante è stato il ruolo di Bébéar nell’aiutare il finanziere bretone ad accaparrarsi Vivendi.

Ecco, ora Bolloré potrebbe aiutare Axa a entrare nel capitale di Generali. Quanto a de Castries, va detto che sta per abbandonare il ponte di comando. Dal primo settembre sarà sostituito da Thomas Buberl, tedesco, da molti considerato una pedina debole dell’ingranaggio e forse l’occasione per il vecchio Bébéar, l’amico di Bolloré, di ritornare ancora più in auge. Da parte sua Axa ha appena ceduto la filiale in Romania, un mese fa è uscita anche dal mercato serbo, sta negoziando la vendita della società controllata in Portogallo e soprattutto ha messo in vendita una parte dei suoi asset britannici, che da soli dovrebbero procurare al gruppo 830 milioni di euro. Sembra quasi che Axa stia facendo cassa, preparandosi a nuove avventure. Forse in Italia?

 (tutti i diritti riservati all’autore dell’articolo, originariamente pubblicato a questo indirizzo)
admin Nessun commento

RCA: scatola nera obbligatoria per tutti entro un anno

Molti automobilisti l’hanno adottata da tempo per avere sconti sull’assicurazione, ma presto la scatola nera sull’automobile diventerà obbligatoria. E’ questa, ricorda ‘Studio Cataldi, una delle principali novità previste dagli emendamenti approvati ieri dalla commissione industria del Senato al ddl concorrenza, che ha ripreso il suo cammino dopo la pausa per le elezioni amministrative.

L’emendamento, proposto dai relatori Salvatore Tomaselli e Luigi Marino del Pd, dà delega all’esecutivo di emanare, entro un anno dall’entrata in vigore della legge, uno o più decreti legislativi per disciplinare l’installazione obbligatoria della scatola nera su tutti i mezzi di trasporto. Si inizierà con i veicoli pubblici e poi sarà la volta di quelli privati. Questi ultimi potranno beneficiare di sconti sulle polizze auto.

Il testo specifica che non ci saranno “maggiori oneri per i cittadini”, ma i consumatori sono già insorti, sostenendo che si tratta di una ‘promessa da marinaio’. Secondo il presidente del Codacons Carlo Rienzi “è assolutamente impossibile garantire che i costi relativi alle scatole nere sulle autovetture non ricadano sugli utenti”. L’installazione e la manutenzione ordinaria e straordinaria dello strumento su un’automobile privata, così come “la gestione dei dati e i necessari cambiamenti che vedranno coinvolte l’industria automobilistica e le imprese assicurative” spiega Rienzi, avranno dei costi enormi.

Anche nel caso in cui “la norma preveda che non siano i cittadini a farsi carico di tale spese – sottolinea Rienzi nella nota – i maggiori costi saranno inevitabilmente traslati sugli utenti finali, attraverso incrementi di tariffe e prezzi”. Per questo motivo il Codacons chiede che l’obbligo venga trasformato in una “scelta su base volontaria”.

 (tutti i diritti riservati all’autore dell’articolo, originariamente pubblicato a questo indirizzo)
admin Nessun commento

Assicurazione scaduta, retrodatata e incidenti stradali: facciamo chiarezza

Facciamo chiarezza su assicurazione scaduta, retrodatata e incidenti stradali. Tra le frodi assicurative che capita ogni giorno di incontrare c’è la possibilità che una polizza venga illegalmente retrodatata, per coprire un sinistro avvenuto in un periodo nel quale il veicolo non era assicurato. L’assicurazione dovrà comunque pagare l’incidente.

 Il problema di gironzolare con assicurazione scaduta o addirittura inesistente crea il più grosso problema non tanto in sede di controllo da parte delle Forze dell’Ordine, che in quel caso provvedono ad elevare la sanzione pecuniaria e le sanzioni accessorie, quanto in caso di incidente: soprattutto se il danno creato porterebbe all’esborso di un ingente quantitativo di denaro, il truffatore potrebbe non riuscire a pagare la quota al povero malcapitato, così ecco che scatta l’idea di stipulare un’assicurazione e retrodatarla in modo fraudolento. Cosa fare in questi casi, allora?

Nella sentenza 6974/2016 della Corte di Cassazione è esplicitamente dichiarato che l’assicurazione è tenuta a pagare un incidente anche qualora la copertura assicurativa sia stata retrodatata per coprire proprio il detto sinistro. Ovviamente questo è un comportamento illegale, ma la compagnia è tenuta a risarcire il terzo in causa fino all’ultimo centesimo, per poi rivalersi sul proprio cliente e sull’intermediario che ha stipulato la polizza.

 Questo perchè il diritto del danneggiato non segue le sorti del contratto assicurativo.

(tutti i diritti riservati a Claudio Anniciello, autore dell’articolo, originariamente pubblicato a questo indirizzo)